Torta a 3 piani per Inside Beauty

22 ottobre 2018

Per l’inaugurazione del fantastico centro estetico Inside Beauty ho preparato tre piani di torta vera.

Ogni piano 4 strati di torta alla panna farcita con una crema preparata montando insieme una crema al latte condensato e una ganache al cioccolato fondente, bagna a base di latte e cacao e copertura con ganache al cioccolato fondente e pasta di zucchero.

Ogni piano era supportato dal suo vassoio e dentro la torta sottostante c’erano 4 supporti per reggere il peso della torta soprastante. Un unico stecco centrale teneva insieme tutte e tre le torte.

Decorazioni con Tricot Decor Silikomart e cialda in pasta di zucchero personalizzata e ritagliata, stampata presso Antica Drogheria di Via Rossini

FORTNITE

15 ottobre 2018

torta_fortnite_werewolf

Torta alla panna farcita con una crema preparata montando insieme una crema al latte condensato e una ganache al cioccolato fondente.
La cialda è in pasta di zucchero personalizzata e ritagliata, stampata presso Antica Drogheria di Via Rossini
Decori con sac a poche e beccuccio a stella chiusa.

Focaccia e Nocciolata

11 settembre 2018

Questo è un post diverso dal solito, non è una ricetta, non è una torta, ma è un modo per condividere con tutti voi l’amore per la mia città.

A Genova la Focaccia è parte della dieta e si mangia sempre.

Una striscetta.
Un tocco.
Una slerfa.
Un euro, quando ero più piccola l’unità di misura erano 500 lire.

La puoi comprare ovunque.
Normale o con le cipolle.

Se la pucci nel caffe o nel cappuccino nessuno ti guarda storto, anzi.
All’ora dell’aperitivo puoi anche accompagnarla ad un asinello.
Avrete capito quindi che nessuno si stupirà se a Genova la focaccia la cospargi di Crema al cacao e nocciole Rigoni di Asiago, qui nella versione senza latte.
Vi sembra azzardato?
Il contrasto tra la dolce cremosità della Nocciolata e la superficie salata ed unta della Focaccia è semplicemente fenomenale e sono certa che rimarrete estasiati.
(Per le fotografie nessuno è stato maltrattato, mi sono sacrificata io stessa, morso dopo morso [N.d.R.])
Certo… per provarla dovete venire a Genova

Genova adesso è spezzata, nel cuore prima di tutto.
La mia città è ferita, ma rispetta la sua essenza asciutta e fiera e lavora instancabilmente per risollevarsi, anche questa volta.

602x338_serie-a-con-maglia-genova-nel-cuore-2

Come acquistare le magliette …

 

Torta senza glutine e latticini

28 giugno 2018

L’ultimo fine settimana ho preparato molti dolcetti per varie occasioni.
Per questa torta la necessità era preparare un torta carina, per due persone, senza farina e senza latticini.

torta_senza_-glutine_senza_lattosio-4.jpg

Ho deciso quindi di fare un pandispagna con fecola di patate, cacao amaro e farina di mandorle (50, 20, 50), 3 uova biologiche intere, 120 gr zucchero, aroma naturale di vaniglia fatto da me a partire da bacche di vaniglia del Madagascar, lievito per dolci.

Ho bagnato il pandispagna con sciroppo di lamponi diluito in acqua, per bagnare  le basi io uso un pennello in silicone come questo qui.

Per la farcitura ho usato Fiordifrutta Rigoni di Asiago ai frutti di bosco, che è naturalmente senza glutine ed è davvero buona, io mi devo trattenere dal mangiarla tutta a cucchiaiate!

La copertura è fatta con ganache al cioccolato fondente a base di latte di cocco ( 250 latte di cocco e 300 cioccolato fondente), vi assicuro che la preparazione è identica alla ganache fatta con panna ed il gusto è ottimo e il sapore di cocco non prevale assolutamente, anzi il gusto del cioccolato fondente prevale sul gusto delicato del cocco.

Come porzioni in realtà ci si mangiava forse anche in 6, volendo.

Decorazioni in pasta di zucchero, amaretti e frutti di bosco freschi.

Buon appetito e Bentornata! 🙂

Torta Frutta & Fiori

18 maggio 2018

Ciao Amici,

questa torta l’ho fatta ispirandomi alle bellissime cream tart che ora van tanto di moda e l’ho pensata per il compleanno di una mia cara Amica.

La base è una torta alla panna montata.

La crema usata per farcire e per copertura è una crema al mascarpone e latte condensato.

Dentro fragole fresche e pesche sciroppate a pezzettini.

Come bagna  ho usato lo sciroppo delle pesche e dello sciroppo di lamponi allungato con acqua.

Sopra frutta ( lamponi, mirtilli, fragole, uva senza semi, pesche), fiori freschi ( gerbere, rose, ranuncoli e gipsofila il cui gambo è stato avvolto in pellicola alimentare), macaron (comprati da Douce), ciuffetti di crema colorata con colorante alimentare rosa.

Di solito sono molto critica, ma questa volta sono soddisfatta, anche se bisogna ammettere che i fiori si prendono una buona percentuale della bellezza di questa torta.

Torta simil Sacher

18 aprile 2017

Torta cioccolato albicocche sacher (1)

La torta, che riprende la Sacher, è composta da una base di torta al cioccolato inventata sul momento.

Siccome a me piace usare gli avanzi l’ho fatta con 250g di ganache al cioccolato che avevo nel freezer e  250g di mascarpone che avevo nel frigo.

4 uova intere montate con 300g di zucchero e sciroppo di vaniglia (fatto da me) ai quali ho aggiunto la ganache e il mascarpone leggermente montati insieme e 300g farina ed una bustina di lievito per dolci.

Torta cioccolato albicocche sacher (5)

Tortiera apribile tonda da 24 cmfoderata con carta da forno.

In forno per 30/40 minuti almeno a 170gradi ma comunque prova stecchino prima di sfornare.

La torta una volta raffreddata va tagliata in tre strati, ognuno bagnato con succo di albicocca e cosparso di Fiordifrutta Albicocche Rigoni di Asiago

Torta cioccolato albicocca sacher (1)

La torta l’ho poi ricoperta con ganache (200g panna e 200g cioccolato fondente) per renderla regolare e una volta ben fredda l’ho ricoperta con una glassa a specchio fatta seguendo questa ricetta.

Sorvoliamo sulla qualità della decorazione, in compenso era davvero ottima di gusto.

Torta cioccolato albicocche sacher (3)

foodblogger rigoni asiago

MINION!

19 ottobre 2015

MINION CAKE (8)

La minion-mania ha colpito ancora.
Quindi io ho voluto preparare una torta adeguata, una sfida per me.
Una Standing Minion Cake, cioè una torta con un minion in piedi.

Qui mi sono dovuta studiare bene il progetto. Non si può improvvisare una torta del genere, DEVE stare in piedi, così…su due piedi! 😀

Provo a spiegarvi come ho fatto.

Ho rotto le scatole ai miei colleghi per qualche giorno, ho costretto qualcuno a tirare fuori il trapano dalla cassetta degli attrezzi ed ho fatto un giro da Leroy Merlin.

Il materiale non edibile che ho usato:
Listello di legno di 3 cm di spessore e altezza 1 cm
bacchetta di legno di diametro 1.20cm
Tubo di plastica rigida di diametro 3.2 cm
Un vassoio di cartone pressato spesso 1 cm
3 Pioli di sostegno interni alla torta
Due stecchi lunghi da spiedino per fissare le torte l’una all’altra
3 vassoietti di cartoncino leggero per separare le torte del diametro 18cm (due bucati al centro per far passare lo stecchino)
Un seghetto
Una pinza
Un metro
Carta vetro
Colla (per esempio millechiodi perché l’avevo già in casa)
Una dummy di polistirolo di altezza 9 e diametro 18cm che dovrà essere preventivamente bucato in corrispondenza delle bacchette che saranno poi i piedi(io l’ho fatto con un ferro – un affilacoltelli per la precisione – scaldato sul fornello)
Nastrino di 2 cm di altezza da incollare al bordo del vassoio.
Un disegno di un minion per prendere le misure e riportarle in scala sulla torta per avere una figura proporzionata.
Pennelli, mattarelli, cutter.

MINION CAKE (1)

E poi:
Due torte farcite e ricoperte di ganache altezza 7 cm diametro 18 cm
Per fare la sommità del minion ho sagomato a cupola una delle due torte ritagliandola col coltello ed usando la parte ritagliata per comporre la cupola.
Ganache per ricoprire tutto e riempire gli eventuali interstizi che si formano fra le torte e fra torta e dummy.

MINION

Pasta di zucchero gialla, blu, nera, bianca
Colorante marrone per gli occhi e argento per gli occhiali

Per le torte io ho usato una torta alla panna farcita di ganache montata al cioccolato fondente (qui le ricette), in una torta aggiuntiva ho farcito abbinando alla ganache una marmellata di ciliegie e posso dire che io la preferivo alla semplice ganache. Ho leggermente bagnato con latte e Nesquik.
Ganache fatta come sempre con panna da montare scaldata in cui ho fatto sciogliere cioccolato fondente, in parti uguali.
Quando la montate fate attenzione a non esagerare, impazzisce anche la ganache.
Le torte sono semplicemente impilate una sull’altra, in quella sotto ci sono i pioli di sostegno e uno steccho le trafigge entrambe per dare stabilità.

Fare attenzione a quando decorate la torta che il polistirolo sotto è bucato e andrà infilato sulle gambe, quindi il volto del minion dovrà essere posizionato adeguatamente.
Ecco, io non ho fatto attenzione a questo dettaglio e il mio minion e messo di ¾ come Lory del Santo, ma alla fine l’effetto è carino, ha assunto una posizione naturale e simpatica…

Per ricoprire in modo più pulito con la pasta di zucchero gialla ho fatto prima il perimetro laterale con un pezzo rettangolare tagliato a misura e poi con un pezzo tondo a parte la cupola, la giuntura orizzontale è sapientemente coperta dalla cinghia degli occhiali e la giuntura verticale rimane sul retro della torta e viene parzialmente coperta dalla tuta blu, che è un pezzo unico di pasta di zucchero ( eventualmente ricavato da una sesta in carta, io l’ho ritagliata seguendo le misure del progetto) al quale viene poi aggiunta la tasca e le bretelle, tutte con l’effetto cucitura e per finire due bottoncini che io ho fatto con un mould in silicone.
Gli occhi sono applicati e sono composti da un cerchio bianco sul quale ho applicato la pupilla dipinta a mano.

MINION CAKE (1)

Per gli occhiali io ho fatto una striscia di pdz piegata a metà per dargli spessore , ma così si vede la giuntura delle due estremità, se volete fare un pezzo unico stendete la pasta spessa e con due coppapasta tondi di dimensioni diverse ricavate l’occhiale che poi dovrete dipingere con colore argento.
Per la bocca ho prima disegnato col cutter la forma (volendo essere precisi si può usare una sesta in carta, io ho fatto ad occhio obnubilata dalla stanchezza delle ore piccole che si erano fatte), poi ho scavato la pasta di zucchero all’interno e l’ho sostituita con il nero e i denti bianchi.
Le braccia sono salsicciotti di pasta di zucchero semplicemente incollati al corpo.

Passiamo alle parti non edibili:

La copertura del vassoio va fatta prima di infilare le gambe, io gli ho dato effetto legno con un apposito strumento che imprime l’effetto sulla pdz già stesa e poi ho dipinto con colorante marrone e pennello.

Minion_1

Per i piedi ho ricoperto di pasta i tubi di plastica, attaccandoci poi il pezzo tondeggiante nero per fare il piede.
Sopra le gambe ho messo un vassoio di cartoncino rivestito inferiormente di pasta di zucchero blu, in modo da dare continuità alla torta nel caso si fosse vista la parte inferiore.
Ho segato tre pezzi di listello, uno lungo come il diametro del vassoio (nel mio caso 30 cm) e due lunghi quanto basta per comporre una croce che desse stabilità al vassoio che vi si appoggiava sopra.
Il vassoio è stato misurato ed utilizzando la dummy di polistirolo sono state prese le misure per decidere dove posizionare le due gambe e quindi dove bucare col trapano, facendo in modo che il centro del vassoio fosse a metà fra i due buchi. Trapanare.
Posizionare il listello di legno sotto al vassoio e prendere il segno dei due buchi, Trapanare.
Mentre nel vassoio di cartone i buchi possono essere leggermente più piccoli dell’asticella che avete a disposizione nel legno devono essere precisi…altrimenti non entra, e se ve lo dico è perché lo so 😀

Minion_3

Inserire le bacchette tagliate a misura dentro i buchi del listello e io ho completato con un po’ di colla.
Le bacchette vanno tagliate per una lunghezza corrispondente alla lunghezza della gamba, più lo spessore di vassoio e listello (2cm), più circa 7 cm, in modo che si conficchino profondamente nella dummy di polistirolo, sulla quale prenderete i segni e provvederete a fare i buchi col ferro riscaldato.
Dopo aver ricoperto il vassoio con la pasta di zucchero fate prima i buchi con degli stecchini nella pdz in corrispondenza di quelli del vassoio, per non sgualcirla.
Poi cospargete la colla sui listelli ed inserite il vassoio in modo che vada ad adagiarsi sui listelli incollandosi e che le bacchette trafiggano il vassoio nei buchi predisposti.

Posizionare le gambe e il vassoio di cartoncino col rivestimento nella parte inferiore
A questo punto il piedistallo è pronto per sorreggere la torta, dovete solo posizionare il nastrino intorno al bordo del vassoio.

MINION CAKE (9)

La torta va quindi adagiata sulla struttura base in modo che le bacchette che escono dalle gambe si inseriscano nei buchi nel polistirolo .
il gioco è fatto, dovrebbe stare in piedi!

Minion fatto a pezzi con gran gioia di tutti!

MINION CAKE (7)

Neanche a dirlo, bambini estasiati! Sono andate a ruba le braccia, peccato ne avesse solo due, e terminate le braccia qualcuno si è accontentato di addentare un occhio.

ilariainterplanetaria

Torta Rosa per LILT

28 settembre 2015

Sabato 26 Settembre 2015, Piazza de Ferrari – GENOVA
Dolce Ginevra ed io con il supporto di Antica Drogheria di Via Rossini per LILT

Grazie agli Amici che sono passati per darci supporto e contribuire alla causa!
Grazie a loro anche per le foto che ci hanno mandato e che ho pubblicato!

Vedi la Locandina con tutte le iniziative per la campagna Nastro Rosa
LILT

…e ricordatevi che la prevenzione è IMPORTANTE!

ilariainterplanetaria

Campagna NASTRO ROSA – LILT

25 settembre 2015

Sabato 26 Settembre 2015 in Piazza de Ferrari a GENOVA con Dolce Ginevra e con il supporto di Antica Drogheria di Via Rossini parteciperò all’evento organizzato da LILT con una torta di Beneficenza.
Partecipate a questa e a tutte le altre iniziative per la campagna Nastro Rosa e ricordatevi che la prevenzione è IMPORTANTE!

LILT

Leggi Comunicato Stampa Campagna Nastro Rosa 2015 LILT

Vedi la Locandina
LILT

ilariainterplanetaria

Draniki

8 luglio 2015

draniki

Partecipo con una ricetta salata ad un contest che mi porta ad usare il Parmigiano Reggiano.

Una ricetta con solo 4 ingredienti, di cui uno deve essere il Parmigiano Reggiano, scelto fra tre diverse stagionature seguendo i principi della Parmigiano Reggiano Academy

Le 30 migliori ricette che saranno raccolte nel ricettario 4COOKING e designerà la ricetta vincitrice della PR Chef 2015 che verrà inserita nel menù di Eataly in Italia.

Non sono così ambiziosa, non è la mia indole in generale, ma sono soddisfatta e vi propongo questa ricetta, che è di ispirazione biellorussa e ringrazio la mia amica Anastasiya che me la ha suggerita.

Draniki

Gli ingredienti della mia ricetta sono 4, come da regolamento:

Parmigiano Reggiano 24 mesi:
-4 cucchiai di grattuggiato
-4 cucchiai di piccole scaglie
2 Patate
100 gr Yogurt greco
1 Uovo

inoltre: Sale, pepe, olio qb

Sbollentare le patate e schiacciarle grossolanamente, aggiustare di sale, aggiungere un pizzico di pepe e amalgamare con un uovo, senza lavorare troppo, la ricetta originale prevede di grattuggiare le patate crude.
La mia modifica personale alla ricetta è aggiungere qualche piccola scaglia di parmigiano, che in cottura si scioglierà dando una nota sapida.
In una padella scaldare poco olio, non deve essere una frittura, ma più una rosolatura.
Disporre quindi cucchiaiate abbondante di impasto a formare le varie frittelle.

Per dare la forma di cuore alle mie draniki ho usato lo stampo in silicone Silikomart happy snack love

draniki silikomart

Cuocere da entrambi i lati.
Nel frattempo mescolare in una ciotola dello yogurt greco con del parmigiano grattuggiato, sale, olio, e pepe a piacere, in questa fase credo sia importante assaggiare per raggiungere un sapore per voi piacevole.

draniki

Servire calde con la salsina.

Suggerimento: Se non vi piace l’acidità dello yogurt potete fare una crema più dolce sostituendolo con della panna da cucina, scaldandola e poi mescolandola con il parmigiano grattuggiato.

Nota: Ho utilizzato un parmigiano 24 mesi, che ha la giusta sapidità per contrastare la dolcezza della patata e sciogliendosi mantiene la giusta consistenza, senza rapprendersi come farebbe uno più giovane.

ilariainterplanetaria


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: